• Psicologa Silvia Ciresa

Mamme imperfette che amano...

Dalla pagina di Tommaso montini...

Sono stanca. Molto stanca.

Il mio bambino farà tre anni ad Agosto.

E’ vivacissimo, intelligentissimo e bellissimo. Io lo amo più di me stessa.

Ma a volte mi sento sopraffatta.

Il nervosismo e l’irritabilità prendono il sopravvento e sento di non essere all’altezza di tutto.

Vorrei essere la mamma sempre dolce ed amorevole, la fortezza per il mio bimbo ed il posto sicuro sempre.

Ma spesso, ultimamente sempre più spesso, vince la fatica. La voce si alza, mi infastidisco facilmente.

Non vorrei essere così e non voglio che lui abbia una mamma nervosa, che a volte piange, che è stressata.

Ma sono proprio così.

Temo i danni a lungo termine che potrei arrecargli, mi sento in colpa continuamente per non riuscire a rimanere calma e composta.

Per non riuscire a dare abbastanza.

Come uscirne?

-----------------------------------------------------------

Come uscirne? Semplice!

Con un trattato di pace.

Sede: lo specchio.

"Prego, si accomodino le parti”: lei dott.ssa Jekyll, e lei Mrs Hyde".

(Fatevi un occhiolino! Forse vi conoscete da tempo...)

--

Allora, che scriviamo nel trattato?

Scriviamo che entrambe siete importanti e guai se non ci foste entrambe, l'una dentro l'altra!

Una è l'energia, l'emozione, la passione, e anche un pizzico di pazzia (insomma: “i 5 minuti…!”)

L'altra è l'etica, la ragione, il controllo, la persona per bene, le regole.

--

Ok, allora scriviamo nel trattato che la più forte, quella vince sempre e quella che ha scritto pure ad un pediatra lontano, la smetta di cercare di eliminare l’altra e l’accolga!

“Ma chi?”

“Quella arcigna, che grida, pensa cose brutte e perde sempre la pazienza?”

Proprio lei!

Fate pace!

--

“Perché?”

Perché è meglio!

Una mamma tutta perfetta, che non sbaglia mai niente, sorridente alle due di notte dopo l'ennesimo risveglio, quella che non dimentica mai l'orario dello sciroppo e fa fare la dieta perfetta consigliata dal pediatra, quella che non perde mai la pazienza...

Sarebbe gelida! Un freddo robot.

Che orrore!

--

La notizia bella è che questa mamma perfetta, gelida e che non cede mai alle emozioni.... Non esiste!!

O almeno io non ne ho mai incontrata una!

Amen! Meno male.

--

Una persona senza emozioni, senza passioni, una che non si commuove e non si arrabbia mai...

Sarebbe una specie di automa, un disastro!

--

E allora benvenuta anche Mrs. Hyde!

Nel trattato scriviamo che ha diritto di vivere!

--

Potrà collaborare con la sua energia e le sue passioni in tutte le attività della dott.ssa Jekyll, ma accetterà di avere qualche libera uscita, da sola, solo ogni tanto!

(Mrs. Hyde da sola potrebbe essere pericolosa. Meglio accompagnarla sempre…!)

--

Nel trattato però scriviamo che "la dott.ssa. Jekyll la smetterà di combattere contro la povera Mrs Hyde con mille complessi di colpa e da adesso in poi tratterà con lei sempre con ironia e sorriso!"

Benvenute le sue passioni i suoi sbalzi di umore e ogni tanto (ogni tanto!) i suoi "cinque minuti!"

Ma collaboriamo con lei perché lei sa iniettare l’energia necessaria in molte situazioni e con le sue passioni colora la vita!

--

E i bambini?

I bambini hanno bisogno di una mamma calda, che si emoziona, che ride, gioca…

ma qualche volta quella mamma è anche un po' triste,

e poi è arrabbiata,

e poi pentita di essersi arrabbiata,

e poi è allegra,

e poi è stanca che non ha voglia di far niente,

e poi è impegnata a sbancare la casa per un cambio di stagione, e poi cucina una cosa buonissima

e un'altra volta non ha voglia di cucinare....

Imparare ad adattarsi anche ai mille alti e bassi di ognuno di noi è una competenza importante!

Il mondo sarà pieno di persone diverse, con mille caratteri.

Sarà importante saper stare con tutti.

--

Quello che conta allora non è l'episodio, ma il numero finale che resta alla fine della somma di tutti gli episodi.

È la somma che fa il totale!

E’ quella che conta!

--

“E allora, piccino dimmi: come è la tua mamma?”

“Bella, dolce, calda, sicura, accogliente, allegra... Quella che quando mi abbraccia mi passa il mal di pancia!”

“Ma si arrabbia?”

“Si ogni tanto.”

“Ma è sempre la più bella…!”



2 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti